Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco

menu di accesso facilitato

vai direttamente a:
contenuto. cerca, sezione. lingue, menu. servizi, menu. principale, menu. percorso, menu. piedipagina, menu.

Giovanni Barracco nasce il 28 aprile 1829 a Isola Capo Rizzuto, nella Calabria ionica, ottavo di dodici figli di una nobile famiglia di antichissime origini.
L’apice della fortuna dei Barracco, che legano la loro storia a quella del latifondo calabrese, può essere stabilito al 1868 quando, dai documenti dell’archivio di famiglia, risulta che la proprietà aveva raggiunto i 30.

L’elegante edificio cinquecentesco che ospita la collezione Barracco fu costruito tra il 1520 e il 1523 per il prelato bretone Thomas le Roy, giunto a Roma nel 1494 al seguito di Carlo VIII e attivo nella curia romana sotto i pontificati di Alessandro VI, Giulio II, Leone X e Clemente VII.

Nome del proprietario e data di costruzione trovano conferma in due lapidi esposte nel cortile e rinvenute

30/12/2016 - 17/09/2017
La mastaba del dignitario Nefer
Mostre

Il preziosissimo rilievo funerario del dignitario Nefer, databile al regno del faraone Cheope: una ricostruzione 1:1 della struttura della cappella funeraria e una ricchissima documentazione grafica, fotografica e multimediale per descriverne lo spazio interno.
Mostra prorogata fino al 17 settembre 2017

25/07/2017
Eventi

Pillole di intrattenimento di Angelo Maria Santisi al violoncello, nell'ambito di    Pausa Museo.  Tre brevi incursioni giornaliere musicali della durata di 25 minuti ciascuna (ore 12.30, 13.00 e 13.30) in collaborazione con RomaTre Orchestra. In programma: J. S. Bach: Suite per violoncello n. 1 in sol maggiore BWV 1007    #pausamuseo

Newsletter

Ricevi nella tua casella email tutte le novità dei Musei in Comune.

Per gli iscritti alla newsletter 10% di sconto nelle librerie museali + un ingresso ridotto alle mostre.

In corso

Mostre ed eventi

La mastaba del dignitario Nefer
30 Dicembre 2016 - 17 Settembre 2017
Mostra

In programma

Mostre ed eventi

25 Luglio 2017
Evento

Multimedia

#repostapp #museiincomune #museobarracco
Passi echeggiano nella memoria, lungo il corridoio che mai prendemmo, verso la porta che mai aprimmo, — TS Eliot. #Buongiorno dal #MuseoBarracco di #Roma.
#Capolavori Testa di Centauro, copia romana da originale del II sec. a.C. in marmo asiatico, nella collezione del #MuseoBarracco di #Roma. Concludiamo la nostra giornata di #SanValentino dedicata all'amore dell'arte con questa testa, dall’espressione fort
#Capolavori Clessidra ad acqua, scultura di epoca tolemaica [Tolomeo II Filadelfo (285-246 a.C.)], nella collezione del #MuseoBarracco di #Roma. Si tratta del prezioso frammento di un orologio in cui il lento defluire dell’acqua segnava il trascorrere del
#Capolavori Statuetta di #Herakles, copia romana del I sec. d.C. da originale greco di Policleto (seconda metà V sec. a.C.), ora nella collezione permanente del #MuseoBarracco di #Roma. Nella statuetta, di dimensioni ridotte rispetto all’originale, si dev
Roma è inconoscibile, si rivela col tempo e non del tutto. Ha un’estrema riserva di mistero e ancora qualche oasi. ~Ennio Flaiano #Buongiorno e buon sabato dal #MuseoBarracco di #Roma #art #museum #architecture #Rome
#Capolavori Statuetta di #Nettuno, scultura in marmo pentelico esposta al #MuseoBarracco di #Roma. Le dimensioni ridotte fanno pensare ad una sua utilizzazione come decorazione di una casa. Il modello cui fa riferimento la scultura risente degli echi dell
#Buongiorno dal #MuseoBarracco di #Roma. In una preziosa cornice architettonica cinquecentesca, situata tra #PiazzaNavona e Campo de’ Fiori, si è conservata intatta una straordinaria raccolta di sculture antiche formata tra la fine dell’800 e l’inizio del
Scoprite la vostra anima gemella tra le opere dei #MuseiinComune di #Roma​ Testa femminile #MuseoBarracco Le folte ciocche ondulate sono trattenute da serpenti intrecciati: è forse una Gorgone o una divinità etrusca? Di certo questa scultura in calcare è
#Capolavori "Testa di Doriforo (portatore di lancia)", scultura in marmo pentelico, copia tardo-ellenistica da originale greco di Policleto (seconda metà V sec. a.C.), esposta nel #MuseoBarracco di #Roma La magnifica copia, rinvenuta nelle terme di Caraca
#Capolavori Testa maschile frammentaria, copia romana da originale greco del IV sec. a.C. in marmo pentelico, ora nel #MuseoBarracco di #Roma. Testa di raffinata esecuzione che rappresenta la copia romana da una statua di Ercole realizzata nell’ambito del
#Clessidra ad acqua (285-246 a.C.) nel #MuseoBarracco di #Roma. #Repost @julie_bonjourparis with @repostapp
Il #MuseoBarracco di #Roma. #Repost @anto_ar91 with @repostapp ・・・ Window #vsco#culture#Rome#light
#Capolavori Statua di Bes, scultura in marmo di epoca romana esposta al #MuseoBarracco di #Roma. Il dio è particolarmente venerato in Egitto e viene spesso rappresentato come un nano dal volto distorto da una smorfia. La sua funzione principale è quella m
#Buongiorno dal #MuseoBarracco di #Roma. Il Museo conserva intatta la straordinaria raccolta di sculture antiche formata tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900 dal colto collezionista Giovanni Barracco, barone calabrese e membro del Parlamento dell’Ital
La vita è così orribile che la si può sopportare soltanto fuggendola. E lo si fa vivendo nell’arte, — Gustave Flaubert #Buongiorno dal #MuseoBarracco di #Roma.
#Capolavori Maschera di mummia, monumento e arredo funerario di epoca tolemaica, presenta caratteristiche riconducibili ad una tipica produzione egiziana: essa infatti, destinata a coprire la testa della mummia ricordando i tratti somatici della defunta,
#Capolavori Torso di Amazzone ferita, copia romana da originale greco della seconda metà V sec. a.C. in marmo pentelico esposta nella sala deidcata all'arte greca del #MuseoBarracco. Si tratta di due frammenti (MB 102 - MB103) appartenenti alla stessa sta
#Capolavori "Stele della falsa porta" del dignitario Nefer vissuto in Egitto ai tempi della IV Dinastia. Nefer ebbe l’onore di essere sepolto in una màstaba del cimitero reale ai piedi della grande piramide di Cheope. Le màstabe (dalla parola araba che si
#MuseoBarracco #Repost @getdomi with @repostapp ・・・ Giano the first 100% Roman/Italian deity, venerated as father of all gods-of endings and beginnings past and future of creation and nearly everything else. The Gianicolo and January are named after him -
Flickr

torna al menu di accesso facilitato.