Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco

menu di accesso facilitato

vai direttamente a:
contenuto. cerca, sezione. lingue, menu. servizi, menu. principale, menu. percorso, menu. piedipagina, menu.

Home > Percorsi per sale > Piano primo > Sala I - Arte egizia > Sfinge femminile di una regina
Sfinge femminile di una regina
Scultura
Nuovo Regno, XVIII Dinastia, Thutmosis III (1479-1426 a.C.)
Granito grigio

La bella sfinge di granito nero, trovata a Roma, nella zona dell’Iseo del Campo Marzio, rappresenta uno dei rari esempi conosciuti di sfinge con testa femminile. Questa circostanza insieme alla lettura del cartiglio presente sul petto che si riferisce a un sovrano della XVIII dinastia, fece interpretare questa statua come quella della regina Hatshepsut, famosa per aver regnato con il titolo di faraone e per la costruzione del grandioso tempio di Deir el-Bahri. L’analisi dei tratti del volto che non corrispondono a quelli dei numerosi ritratti della regina ha però permesso di stabilire che la sfinge rappresenta un personaggio femminile di alto lignaggio della corte di Thutmosi III.

Provenienza: Dall’Alto Egitto, area tebana. Rinvenuta a Roma nel Campo Marzio (Iseo Campense)
Inventario: Inv. MB 13

torna al menu di accesso facilitato.